Ecologia storica: come la natura sta in città

L’uomo costruisce il suo habitat sfruttando o adattando l’ambiente per vivere. Le città sono delle possibili “strutture ecologiche” dell’uomo: già circa 10.000 anni fa, nel neolitico, agli albori dell’agricoltura, esistevano villaggi abitati da circa 2000/3000 persone, ed anche oggi circa il 60% degli oltre 7 miliardi di uomini e donne che vivono sulla terra, abitano in una città. Bergamo è una piccola città di circa 100000 abitanti della provincia lombarda, la sua storia urbana può essere esemplificata da quattro restituzioni cartografiche elaborate su dati catastali Continue reading →

Foresta urbana e cambiamento climatico. Parte 2

La restituzione satellitare in remote sensing di una città americana, Providence, sulla costa orientale degli Stati Uniti, mostra una differenza di temperature tra area urbana e area periferica a copertura boscosa di 12° C (fig. 1). Questo dato caratterizza quella che viene definita l’isola di calore urbana (heat islands*) (fig.2). Oltre ad articolare l’uso del suolo, creando connessione tra suolo urbanizzato, suolo agricolo e foreste, è subito evidente come gli alberi abbiano una funzione mitigatrice sulle temperature in ambito urbano. L’albero è l’interfaccia regolativo della Continue reading →

Foresta urbana e cambiamento climatico. Parte 1

Diversi modelli climatici cercano di fare previsioni sul futuro. Il clima è sempre più incerto anche nelle latitudini europee, le medie delle temperature annuali sono in deciso aumento, le frequenze dei fenomeni meteorologici estremi in aumento, le piovosità in lenta decrescita e concentrate sempre più in pochi periodi dell’anno, con conseguente aumento dei periodi di siccità. Tutto questo metterà a dura prova le modalità di progettazione e di gestione di spazi verdi urbani. Dobbiamo quindi attrezzarci con nuovi paradigmi culturali e operativi nel nostro lavoro Continue reading →

La morte e gli alberi

Autore: René Villanueva Maldonado. Traduzione a cura di:  Patrizio Daina, Andrea Pellegatta, Mario Carminati. Scarica in formato pdf Il racconto della vita Tutti noi abbiamo un’unica certezza nel cammino della vita: la morte. È come se la materia desiderasse animarsi e passeggiare per il tempo in una macabra danza che solo la Parca (Parche: divinità greco-romane che stabilivano il destino degli uomini ndt) potrebbe concedere. Come diceva Lynn Margulis, la vita è materia che può scegliere. La morte è la condizione della vita… sia che Continue reading →

Perché è importante conoscere l’architettura degli alberi

1) Perché ogni specie arborea possiede una sua specifica sequenza di sviluppo che si manifesta nella sua “architettura”. 2) Perché l’albero reagisce alle modifiche ambientali ed agli stimoli esterni (potature comprese) anche mediante modifiche nella sua “architettura”. La reazione di un albero a variazioni ambientali determina un meccanismo di azione/reazione a livello della sua organizzazione architettonica, seguito, nel migliore dei casi, dal ristabilirsi di condizioni di equilibrio (ad es. le condizioni di resilienza di cui ci ha parlato Drénou nel 2015). L’osservazione dell’architettura ci consente Continue reading →